Il ciclo d’acquisto, oggi, è distribuito sulla diversità dei tempi, dei canali, dei luoghi e dei dispositivi d’uso. Il suo buon esito è legato alla soddisfazione dei servizi complementari, prima fra tutti la consegna, sempre più importanti e, per chi vende, quel buon esito non può rimanere occasionale e deve costituire solo il primo passo del processo di fidelizzazione del cliente.

I programmi di loyalty comunemente intesi, basati su premi e strategie di riscatto del consumo passato stanno perdendo terreno. Non si tratta più soltanto di gestire a consuntivo le transazioni nel punto di acquisto, ma di proporre esperienze e servizi aggiuntivi che aumentino i punti di contatto con il cliente. Si tratta, quindi, di diversificare la relazione in ambiti ben più larghi della redenzione dei punti finalizzata alla raccolta premi, rilevando nel tempo la disponibilità complessiva del consumatore verso il brand e la tipologia di servizio o prodotto offerti. In prospettiva, i benefici di fedeltà gestiti con i sistemi tradizionali rappresenteranno solo una frazione del valore totale del consumatore.

Nel retail mondiale, da anni, si sta combattendo la battaglia strategica sui servizi di consegna. Il “quando vuoi e come vuoi”, ispirato da Amazon, ha dato il via un confronto serratissimo tra gli operatori, e la logistica ha aumentato radicalmente la sua già rilevante importanza strategica per il settore. I servizi di consegna costituiscono un touchpoint d’importanza centrale per la soddisfazione del cliente, e incidono significativamente sulla sua disponibilità a legarsi a un marchio o a un’insegna.

Click and collect si è affermato come un flusso omnicanale in cui all’ordine online segue il ritiro in negozio, evitando altre forme di consegna; i consumatori beneficiano della velocità, del basso costo e della convenienza del modello. Si è evoluto, poi, come risposta ideale anche alla gestione dei resi. Per le ulteriori preoccupazioni relative alla salute e la sicurezza, inoltre, gode di appeal ancora maggiore perché offre un modo di fare acquisti evitando i rischi delle aree affollate, pur godendo del vantaggio dei punti vendita locali.

BOPIS (acquisto online e ritiro nel punto vendita, se disponibile) e BOSS (che abilita il servizio indipendentemente dalle capacità dello stock del negozio) sono opzioni che danno un'opportunità concreta d'incidere sui costi e aumentare il traffico nel negozio.

Iconic Connector fa della connessione tra i diversi punti di contatto con il cliente la premessa per...

l’erogazione dei servizi che lo legano al retailer, in un rapporto di fidelizzazione costruito su prodotti, servizi ed esperienze. Può integrare un motore promozionale e il sistema di loyalty: i clienti del negozio o del ristorante, in modo tale, potranno essere fidelizzati attraverso tutti i touch point fisici e non, offrendo sconti, convenzioni, coupon personalizzati.

Retex ha optato per l’unione seamless di tutti i punti di contatto (self-scanning, self-checkout, self-payment e click and collect), realizzando l’integrazione multicanale con i sistemi di loyalty. L’avanzata natura digitale qualifica Iconic Connector come il mezzo più efficace per ottenere, nell’immediato e in futuro, la conoscenza ampia e profonda delle preferenze e dei comportamenti dei clienti, attraverso l’estesa raccolta di dati, in quantità e qualità, centralizzata e disponibile in tempo reale per ogni tipo di transazione.